Dicono di noi

Siamo stati recensiti:

dalla  Guida  "Roma nel piatto 2017"   di La Pecora Nera Editore

"Non ci siamo limitati a Roma, come potrebbe far pensare il nome della guida, ma abbiamo scandagliato l’offerta di tutta la regione: un gruppo di ispettori che in totale anonimato ha visitato tutti i locali pagando il conto per vivere e raccontare l’esperienza da un punto di vista del cliente qualsiasi, con la competenza, però, di un professionista. Oltre 400 indirizzi narrati con dovizia di particolari, senza reticenze, per permettere al lettore una scelta consapevole, libera da condizionamenti." (Quarta di copertina )

dalla Guida "Osterie d'Italia 2017"   di Slow Food Editore

"Slow Food da trent'anni difende la cucina di tradizione e il cibo buono, pulito e giusto. Le Osterie d'Italia sono un approdo sicuro per assaggiare i piatti di territorio più autentici. La guida vi racconta 1.700 locali, tra conferme e novità: il meglio della cultura gastronomica italiana." (Quarta di copertina )

dalla Guida ai sapori e ai piaceri di Roma e del Lazio 2017 di  "la Repubblica"

"430 novità; 12 premi alle eccellenze; 1.215 ristoranti di Roma e dei Lazio; 174 pizzerie - 399 botteghe del gusto 138 street food; 108 negozi biologici; 26 food truck; 69 produttori di olio; 48 produttori di vino; piatti della memoria; le ricette del mare itinerari di periferia; itinerari d'autore racconti d'autore; racconti del mare" (Repubblica.it )

dal sito  "Senza panna"

"Trovo difficile parlare  della  Rocca del Gusto dopo aver letto cosa ne dicono Roberto Giuliani e  Gianluca  D'Amelio. Mi sembra quasi di aggiungere cose già dette, di non trovare parole  nuove per quanto sono stati  esaustivi. E  allora aggiungerò solo che  ci volevo andare  da tempo, che avevo nel frattempo conosciuto Maria Luisa  Conrado e mi era  piaciuta  molto.... (leggi tutto l'articolo)

dal sito  "Soul and Food"

"È una bella storia quella di Maria Luisa Conrado, che dopo aver gestito un wine bar per poco più di un anno, a gennaio del 2010 ha deciso di trasformarlo in un ristorante. E l’ha fatto secondo una precisa visione di ristorazione, che lei stessa ci racconta: “un luogo accogliente, garbato ma non pretenzioso. Un luogo dove poter gustare piatti diversi dalla cucina di tutti i giorni.” E c’è riuscita in pieno... (leggi tutto l'articolo)

dal sito  "Lavinium"

"Non è stato affatto semplice aprire un'attività di ristorazione nell'iper protetto centro storico di Monterotondo, piccola cittadina situata nelle vicinanze della Via Salaria, in zona collinare, a una ventina di chilometri dalla capitale. Maria Luisa Conrado lo sa bene, la burocrazia che già in situazioni più "normali" è piuttosto pesante, in un contesto del genere diventa il principale scoglio alla realizzazione di un sogno.... (leggi tutto l'articolo)

dal sito  "Kyle Phillips's Italian Wine Review"

"It isn't at all easy to open a restaurant in the hyper-protected heart of Monterotondo, a small town in the hills not far from the Via Salaria, about 20 km from Rome. Maria Luisa Conrado knows this well; the bureaucracy, which makes things difficult under the best of circumstances, given a setting like this becomes the major obstacle to the realization of a dream. Not too long ago, in 2008, she took over a wine bar with the goal of transforming it into a real restaurant... (leggi tutto l'articolo)